E-commerce: tutto quello che c’è da sapere prima di avviarlo

E-commerce: tutto quello che c’è da sapere prima di avviarlo

Vuoi aprire un e-commerce ma non sai come fare? Pensi di avere il prodotto giusto da vendere ma ti manca una strategia di marketing efficace da seguire?
Ecco una guida con le informazioni principali da sapere prima di avviare un negozio online in modo da essere preparati e iniziare al meglio un progetto di vendita sul web.

Analizza il mercato

Sembra una cosa ovvia ma prima di tutto devi analizzare il mercato a cui ti vuoi rivolgere, trovare i fornitori, capire quanta concorrenza c’è già in rete per la tipologia di prodotti che vuoi vendere o se si tratta di un prodotto di “nicchia” che deve essere promosso verso il suo giusto target.

In base al settore merceologica, alla saturazione del mercato, alla concorrenza occorre implementare una strategia di vendita mirata: se ci sono tanti concorrenti adotta prezzi più bassi, buoni sconto, offerte promozionali, gadget in omaggio, offri un servizio di assistenza dedicato, se il tuo è un settore “di nicchia” devi sapere come raggiungere i tuoi potenziali clienti, analizzandone comportamento e preferenze di mercato.

 

L’aiuto del webmaster

Devi poter sempre contare su un webmaster professionista, che sappia risolvere problemi legati agli ordini, che strutturi tutta la piattaforma su un processo di acquisto veloce e intuitivo per l’utente, che ti possa supportare dal punto di vista tecnico ma che ti sappia anche creare il template migliore per le newsletter, il banner accattivante per le tue offerte commerciali.

Affidati a web agency esperte che conoscono bene la piattaforma su cui vuoi fondare il tuo negozio online.

 

Obblighi di legge

Avviare un e-commerce è alla stregua di aprire un negozio fisico in termini di adempimenti di legge, comporta l’iscrizione alla camera di commercio e l’apertura della partita IVA se si tratta di un’attività commerciale di nuova costituzione, oltre naturalemente agli adempimenti notarili, salvo i regimi fiscali minimi.

La burocrazia cambia poi da settore a settore, in base ai prodotti venduti, è fondamentale farsi assistere da un consulente legale e da un commercialista, professionisti che ti sanno guidare nel districato mondo burocratico, per non avere problemi già prima di cominciare.

 

Pubblicità e brand

Una buona parte del budget che vuoi investire nel tuo progetto di vendita online va destinato alla pubblicità, a farti conoscere, a pubblicizzare il tuo marchio e le tue offerte, a farti percepire come un brand serio attento alle esigenze del consumatore.

La scelta del logo è molto importante, sarà ciò che ti distinguerà online e offline, dedicaci il giusto tempo e la giusta attenzione. Non ti improvvisare grafico, fatti aiutare da esperti di visual marketing che sanno come catturare l’interesse del visitatore del web.

Non c’è prodotto senza pubblicità, non lo sottovalutare!

 

Dropshipping

Se non vuoi fare grossi investimenti per mantenere un magazzino e gestirlo da solo, puoi affidare i tuoi prodotti ad un magazzino specializzato esterno, che gestisce per te il packaging e le spedizioni. E’ un’ottima soluzione soprattutto se la tua è un’attività nuova, ancora poco conosciuta che si affaccia per la prima volta sul mercato.

 

Strategia di marketing

Affidati a consulenti Seo professionisti che, dopo aver analizzato il tuo settore di riferimento, sanno strutturarti la giusta strategia di web marketing per rendere popolare il tuo e-commerce e farlo vendere: SEO, campagne di advertising, email marketing e social media marketing.

Far aumentare il traffico di utenti potenzialmente interessati ai tuoi prodotti, che poi se il prodotto è valido al giusto prezzo acquistano: questo è l’obiettivo che devi ottenere grazie al lavoro di un Seo professionista.

 

Forme di pagamento

Devi conoscere le forme di pagamento da poter adottare per le tue vendite, di ognuna conoscerne i vantaggi e gli svantaggi, questo ti eviterà molti problemi dopo quando inizierai a vendere.

Paypal ad esempio benché è un sistema di pagamento sicuro e affidabile per l’utente, potrebbe non essere la forma di pagamento più vantaggiosa, visto che non ha canoni fissi, ma applica una percentuale sugli incassi. Magari potrebbe essere più vantaggioso stipulare un servizio di POS virtuale con un istituto bancario, se si riesce a contrattare il costo del servizio, mantenendo comunque PayPal vista la fiducia che l’utente ripone su questa forma di pagamento.

 

Servizio clienti

Il consumatore a volte non compra soltanto perchè non conosce un prodotto, è dubbioso sul servizio di assistenza, offri questi servizi con un customer care dedicato, ascolta il cliente, consiglialo sul prodotto più adatto, fidelizzalo con un servizio post-vendita che magari i tuoi competitors non offrono.

Il cliente si ricorderà di te, del tuo marchio e sarà più facile che riacquisti i tuoi prodotti.

Non sottovalutare questi aspetti, inizia con il piede giusto il tuo progetto online!

Categorie Web

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *